OrvietoScienza 2019 - Chi fa più male alla salute?

Ambiente e disuguaglianza sociale: chi fa più male alla salute?

Introduzione

La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non semplicemente l’assenza di malattia o infermità Organizzazione Mondiale della Sanità, 1948



La salute è uno dei diritti fondamentali di ogni essere umano. Uno sviluppo diseguale nella promozione della salute è un pericolo comune. Questi concetti venivano espressi nel 1948 come base per la Costituzione dell'OMS. Molta strada è stata fatta da allora, se la speranza di vita alla nascita mondiale è passata da allora da 48 a 72 anni. Ma molta ancora va fatta. All’interno della Regione europea OMS, ad esempio, si osservano situazioni prossime a quella ideale accanto a condizioni di disuguaglianza estrema, spesso esacerbate dalla crisi economica degli ultimi anni.
In Italia l'aspettativa di vita alla nascita risulta da anni tra le prime dieci nel mondo, eppure varia per gli uomini di ben 3,1 anni in base al livello di istruzione, e la forbice si amplia notevolmente quando si prendono in considerazione anche i dati regionali: 6,1 anni negli uomini.
Quali sono i fattori determinanti per la salute? Quanto conta tra questi la disuguaglianza sociale? Si sta affacciando tra i determinanti il cambiamento climatico? E come si possono progettare politiche sanitarie che tengano conto dei dati, ma anche della natura complessa e intrinsecamente incerta di questi fenomeni?
Cercheremo di trovare risposte a queste ed altre domande nelle giornate di OrvietoScienza grazie alla generosità dei nostri relatori, che si sono messi a disposizione per discuterne insieme agli studenti e alla cittadinanza.

Sede del Seminario

Il seminario si svolge nelle sale della sede storica del Palazzo del Capitano del Popolo, che fu costruito negli ultimi decenni del 1200, mentre la città di Orvieto veniva ristrutturata significativamente dal punto di vista urbanistico. E' qui che il Capitano del Popolo, figura nuova che affianca il podestà e i consoli nel governare lo Stato, trova la sua sede rappresentativa per esercitare il suo potere.Il palazzo ospitò temporaneamente il podestà e il governatore, e successivamente è stato oggetto di vari interventi, a seguito delle funzioni assunte, tra cui quella di teatro. L’ultimo progetto di restauro, avvenuto negli anni ’80 del 1900, lo rende alla collettività destinandolo a centro congressi.

Programma

Venerdì 22 Febbraio 2019

Sala dei 400, palazzo del Capitano del Popolo

Coordina Rossella Panarese 

  • ore 9.00 Saluti
    • Giuseppe Germani Sindaco della Città di Orvieto
    • Fabiana Alfieri D.S. I.I.S.S.T.

  • ore 9:15 Bruno Bertolini apre i lavori di OrvietoScienza2019

  • ore 9.30 Lectio magistralis 
    • Eugenia Dogliotti  Responsabile Dipartimento Ambiente e Salute I.S.S.
    • Telmo Pievani Noi cambiamo l’ambiente, e l’ambiente cambia noi
    • Paolo Vineis Diseguaglianze nella salute: tra scienze sociali e biologia
  • ore 11:30 Coffee break 

  • ore 12.00 La qualità dell'ambiente: suolo, aria, acqua 
    • Liliana Cori  Gioconda per sostenere partecipazione e decisioni informate
    • Intervento degli studenti L'acqua del fiume Paglia
    • Intervento degli studenti Il Radon nel tufo di Orvieto
  • ore 13.00 pausa dei lavori
  • ore 15.00 Dai Dati alle politiche sanitarie
    • Fabrizio Bianchi  La raccolta e l'elaborazione di dati utili
    • Intervento degli studenti Indagine sulla percezione della salute tra gli studenti - Coordinato da Marco
    • Cristofori
    • Francesco Forastiere Inquinamento e salute: le evidenze scientifiche e l'impegno dell'OMS
    • ore 16.30 La comunicazione del rischio sanitario
      • Eva Benelli Che cosa devo sapere per esercitare il mio diritto alla salute?
      • Pietro Greco Dalla scienza degli orologi alla scienza delle nuvole per governare l'incertezza

    • ore 17:30 termine dei lavori
    Sabato 23 Febbraio 2019
    Sala dei 400, palazzo del Capitano del Popolo

    Coordina Rossella Panarese
    • ore 9.00 Salute e ambiente sociale
      • Bernardino Fantini  I determinanti sociali della salute: dalla prevenzione dei rischi alla promozione del benessere
      • Eduardo Missoni «Salute per tutti entro l’anno 2000» 40 anni dopo Alma-Ata
      • Donato Greco Ecologia dei rischi infettivi
    • ore 10:30 Intervento degli studentiPièce teatrale Il malato immaginario di Molière. Rielaborazione di Bruno Bertolini, Regia di Andrea Brugnera
    • 11:30 coffee break

    • ore 12:00 Intervento degli studenti (introdotto da Pietro Greco)- Manifesto

    • ore 12:30 Pausa dei lavori
    • ore 15.00 Premio "Romeo Bassoli”